Il gruppo

Il gruppo di studio, ricerca e indagine SCIENZE FORENSI nasce e cresce nell’ateneo senese attraverso la cooperazione di studiosi provenienti da discipline diverse, impegnati collegialmente per la definizione di vicende ed eventi, la comprensione e risoluzione di problemi, la pubblicazione di ricerche scientifiche e indagini giudiziarie.

Le scienze

Le scienze forensi trovano fondamento e perseguono finalità nell’appropriata conoscenza e consapevolezza della interdisciplinarietà quando studi e ricerche, procedure e indagini attengono ad ambiti conflittuali tra interessi individuali e collettivi, diritti e doveri, ceti e censi, contrasti tra prestatori e fruitori di opere e servizi.

Le attività

SCIENZE FORENSI E SOCIALI, ASSISTENZA LEGALE E MEDICA, CRIMINOLOGIA E VITTIMOLOGIA, PERIZIA E CONSULENZA, GIUSTIZIA PENALE E CIVILE.

Le attività sono affidate a penalisti, civilisti, amministrativisti e ad esperti e tecnici di biomedicina e discipline affini nonché di comunicazione, informazione ed informatica per rendere inattaccabili e comprensibili anche ai non addetti ai lavori i risultati delle indagini e delle investigazioni oltre che per la corretta formazione ed acquisizione della prova, la valida valutazione di perizie e consulenze, testimonianze e anche di sentenze.
Prodotto della prolungata collegiale attività la serie di volumirivistecorsi, master, seminari, conferenze, che in maniera continuativa hanno scandito un impegno corale e costante, essenziale, eccellente, sempre ispirato da rigore etico e metodo scientifico.

Gli esperti

Gli esperti di chiara fama e lungo corso sono in grado di affrontare questioni e controversie attinenti a tutti i momenti cruciali della umana esistenza, dalle esigenze di giustizia penale e civile ai rapporti con le assicurazioni sociali e private, dalla procreazione assistita alla interruzione della gravidanza, dalla sperimentazione dei farmaci al trapianto di organi, dagli effetti lesivi e letiferi della violenza a quelli di incuria ed inerzia, con capacità professionali adeguate alle complesse questioni inerenti la persona e fondamentali diritti alla vita e alla salute, alla dignità e alla libertà, all’ambito di comunicazione e linguaggio (verbale e non, orale e scritto, grafico e iconografico), agli aspetti e problemi economico-finanziari correlati alla responsabilità sanitaria e medica nonché civile auto, alla psicologia e grafologia, al crimine violento, alla perizia medico-legale, all’antropologia, alla afrodisiologia e alla balistica forensi.


VIDEOTECA

Pubblica conferenza dell'avvocato Pierpaolo Berardi su crimini di guerra e diritti umani.

Ultima intervista del magistrato Paolo Borsellino un mese prima di morire assassinato.


GIUSTIZIA


EVENTI

Premio salentino doc

Premio

Premio al Prof. Cosimo Loré e al Dott. Claudio Scamardella, direttore del Nuovo Quotidiano di Puglia.
Maglie (LE), Tenuta Lucagiovanni, 19 dicembre 2018

Riconoscimento alle eccellenze nei vari campi della società civile del Salento. Un ringraziamento pubblico a chi con il lavoro e la professionalità quotidiana dà lustro a questo bellissimo territorio ponendolo all’attenzione nazionale ed internazionale non solo per la sua bellezza naturale ma anche e soprattutto per l'eccellenza professionale, artistica ed umana.


IN EVIDENZA

Società Diritto Crimine

Società Diritto Crimine

Non vi è alcun dubbio che Giovanni Falcone fu sottoposto a un infame linciaggio diretto a stroncare per sempre con vili e spregevoli accuse la reputazione e il decoro professionale del valoroso magistrato.Sentenza della Corte di Cassazione del 2004

Il volume contiene fatti che vanno ben oltre la classica cronaca giudiziaria e la rituale ricerca scientifica, come quelli relativi ad un concorso in magistratura (caso Berardi) e ad un'attività della magistratura (caso Dore), che presentano caratteristiche di tale gravità e rilevanza da mettere in discussione la credibilità stessa di tale fondamentale istituzione della repubblica italiana non solo per il loro verificarsi, inimmaginabile in un consorzio civile, ma anche per il successivo dispiegarsi delle illecite conseguenze prodotte in violazione eclatante delle più elementari regole logiche e legali, nella inattaccabile impunità dei responsabili e nella perseverante persecuzione delle vittime. Il fatto descritto nel capitolo concernente il concorso in magistratura nell'anno delle stragi (il 1992) è ben più che una mera valutazione di un evento di ordinaria malamministrazione né può essere inscritto nella serie interminabile dei concorsi contestati... Apri